Le Nostre Recensioni

Solomon Creed di Simon Toyne - Recensione -

Serie: Vol.1
Autore: Simon Toyne
Editore: Harper Collins
Genere: Gialli e Thriller


Sinossi

Può, un uomo senza passato, salvare un uomo senza futuro?
La popolazione di Redemption, in Arizona, si è radunata nel vecchio cimitero in cima alla collina per seppellire un concittadino, quando la cerimonia viene bruscamente interrotta da una violenta deflagrazione: nel vicino deserto è precipitato un aereo, e una colonna di fumo nero si leva nel cielo.
Mentre accorre sulla scena del disastro, lo sceriffo Garth Morgan si imbatte in un uomo alto, dai capelli bianchi e dalla carnagione chiarissima, che corre scalzo sulla strada. Non ricorda nulla di sé. L’unico indizio sulla sua identità è un nome che compare sull’etichetta dell’elegante giacca nera che indossa e sulla dedica del libro che tiene in mano: Solomon Creed. Ma quando Morgan gli dice dove si trova, nasce in lui la convinzione di essere lì per salvare qualcuno. Una persona che non ha mai conosciuto… l’uomo che è stato sepolto quella mattina.
Per svelare il mistero che avvolge il suo passato Solomon deve scavare nei segreti di Redemption e scoprire la verità sulla morte dell’uomo che è venuto a salvare. Qualcuno però è deciso a fermarlo, ed è disposto a tutto, anche a mettere in campo oscure forze per impedirgli di vedere la luce.
Un thriller incalzante e ben congegnato, che in un crescendo di colpi di scena accompagna il lettore fino a una conclusione appagante quanto inaspettata.

Solomon Creed è il primo volume di una trilogia che sicuramente interesserà gli amanti del thriller e del mistero.
Sono stata immediatamente attirata dal titolo del romanzo e dal nome della cittadina dove si snoda la storia "Redmption".
Leggendo la trama mi sono chiesta quali peccati questa cittadina potesse aver commesso per avere un nome così.     
“Solo chi è pronto a salvare  gli altri prima di se stesso, può sperare di sfuggire all'inferno…”
Un aereo si schianta a pochi metri da un uomo e le fiamme rischiano di avvolgerlo , non sa come è finito li, ne cosa sia successo, non ricorda nulla sa solo che deve fuggire lontano.
"In principio c'è la strada, e io che cammino. Non ricordo chi sono, da dove vengo e come sono arrivato qui. C'è solo la strada e il deserto che si estende in ogni direzione sotto un cielo infuocato... ... e poi ci sono io."

Lo schianto dell'aereo interrompe bruscamente una cerimonia funebre, tutta la popolazione di Redmpition è riunita per dare l'ultimo saluto ad un loro concittadino e lo sceriffo Gath Morgan abbandona la funzione per recarsi sul luogo dell'incidente quando si imbatte in uomo in fuga, scalzo, con un aspetto stranissimo, carnagione chiara e capelli bianchi come la neve, indossa una giacca nera con un etichetta che riporta un nome Solomon Creed, una croce al collo e un libro.

“«È già stato nella nostra città Mr. Creed?» chiese lo sceriffo. Lui scosse la testa. «No, non credo.» «Ne è sicuro? » «No» rispose lui. «Perché?» «Anzitutto per quella Croce che porta al collo. Ricorda dove l'ha trovata?» «Perché è identica a quella sull'altare della nostra Chiesa. E non dimentichi il libro che le ho trovato in tasca: la storia di Redmption non è abbastanza importante da trovarla nelle librerie di altre città. Deve avergliela  data qualcuno della zona.»”
Una consapevolezza, una sensazione inspiegabile si accende in Solomon e li per una missione deve salvare qualcuno.
“«Credo di essere venuto per salvarlo»  disse, voltandosi verso Morgan, sicuro che fosse così. «Sono qui per salvare James Coronado.»Un lampo attraversò gli occhi dello sceriffo. Il modo in cui lo guardò non prometteva nulla di buono. «James Coronado è morto»”
Solomon Creed inizierà a cercare la verità su se stesso, cosa lo lega a quella cittadina, e a quell'uomo che doveva salvare e incontrerà non pochi ostacoli, sopratutto quando qualcuno è disposto a tutto pur di tenere nascosti i segreti di Redmption. 

Sono rimasta molto entusiasta di questo libro è un mix perfetto di mistero, riferimenti religiosi e con un tocco di soprannaturale che non guasta.
L'autore è riuscito a creare un personaggio veramente enigmatico, misterioso e affascinante.
Solomon Creed rimane un mistero fino alla fine e dovremo aspettare i successivi volumi per capire di più sulla sua identità.
La storia è andata con alternanza di punti di vista e con due linee cronologiche passato e presente, che non tolgono dinamicità alla trama. Uno stile scorrevole e fluido, con poche ma accurate descrizioni che lo rendono piacevole.
Attendo con grande curiosità il secondo volume per scoprire quale sarà il nuovo viaggio di Solomon Creed e chi dovrà salvare ancora.


Serie Solomon Creed:
1- Solomon Creed;
2- The Boy Who Saw (inedito).

Commenti

Post popolari in questo blog

Il visconte nero di Roberta Ciuffi - Recensione -

Tra le pagine di un libro di Sonia Gimor - Recensione in Anteprima -

Beautiful Mistake di Vi Keeland - Recensione Inedito -